Just another WordPress.com site

Ultima

La bella e la bestia

580ejhrd

Era un caldo strano, il sole era nervoso,

scaldava ad intervalli, si lasciava imprigionare dalle nuvole in movimento,

sembrava volesse rinunciare al suo dovere di astro.

Ad un tratto un fulmine, rumoroso e luminoso come non mai,

squarcia l’aria, dal nulla in mezzo alla piazza un omone grande come una casa comincia a cantare,

una vocina fine dolce sottile, un po stridula, si ode come d’incanto.

E’ il gigante buono che trasmette le sue doti vocali. dal vicolo a sinistra piano piano esce una donzella affascinante,

avvolta in un mantello rosso sotto un abito bianchissimo, con delle scarpette gialle,

Pinterest

sembra voglia rispondere alla vocina dolce stridula e lo fa con un vocione da orco inferocito.

Lo sgomento colpisce tutti i presenti i quali spaventati si riuniscono tutti in fondo alla piazza

aspettando forse qualcosa di brutto.

Il miracolo si manifesta quando l’omone si inginocchia ai piedi della fanciulla

e con voce normale da uomo le dichiara il suo amore,

la fanciulla lo accarezza con delicata maniera

e con la vocina stridula lo riassicura ammettendo anche il suo amore.

580ejhrd

Riflessione a Facebook

Vi sarete accorti, cari amici che ho lasciato Facebook. Forse lo usavo più come “sistema di espressione personale“, ma mi piaceva perché a volte, oltre il rumore di fondo, girano idee, la gente crea contenuti, esprime opinioni, o condivide roba stimolante. Eppure, usando questo social, ho trovato una serie di motivazioni che mi hanno portato a disattivare il mio account.

Per iniziare: è facile, usando questo sistema, rinunciare a forme di comunicazione più diretta, che però costituiscono molti di quei “riti” su cui si fondano i rapporti sociali. Un esempio banale: leggendo i messaggi di stato dei nostri amici ci priviamo della possibilità di cercarli per chiedere loro come stanno, mostrare loro interessamento.

Allo stesso modo, anche raccontare ha molti più significati del semplice far sapere. Quando raccontiamo ad una persona di noi, dei nostri pensieri, ci “scarichiamo” su di lei, la rendiamo parte di noi, partecipe di quello che ci succede. Le diamo una parte attiva nella nostra vita, perché la investiamo di un ruolo (anche solo chiedendole un parere), e la rendiamo in questo modo significativa per noi. È molto diverso rispetto a quando scriviamo qualcosa in bacheca: mettiamo i nostri pensieri a disposizione di tutti, senza rivolgerci a nessuno, ma comunque sperando che i nostri amici per caso leggano il post e magari commentino.

È diverso in primo luogo per il “mettere a disposizione”: non stai mostrando qualcosa ad un amico, e non gli stai chiedendo un’opinione. Inoltre, nella maggior parte dei casi, la speranza è quella che i nostri amici, o uno dei tanti contatti su facebook commenti quello che abbiamo scritto. I post, però, non richiedono una risposta; non sono fatti per quello, e, malgrado le notifiche, i tuoi amici leggeranno il tuo post soltanto per caso.

Allo stesso modo, è facile perderci qualcosa dei nostri amici, che invece vorremmo sapere (non farci sfuggire neanche una notizia su facebook, in un certo senso, diventa un nostro dovere). Magari anche loro si aspettano che qualcuno legga e commenti il loro post. Ed è facile così venire a sapere soltanto “pezzetti” di vita dei nostri amici: possiamo venire a sapere che un amico è stato lasciato dalla ragazza quando non sapevamo neanche fosse fidanzato; davvero siamo partecipi della sua vita, così? Raccontarsi via Facebook è un sistema che semplicemente non funziona. Vale la pena di stare al gioco per poter essere letti da un maggior numero di persone?

Riflettendoci, non mi interessa così tanto che quello che scrivo venga letto da tutti i miei contatti, per la maggior parte semi-sconosciuti. Preferisco essere un buon amico, anche solo per poche persone; e magari sentire alcuni amici più lontani che sentirli come amici a metà: non voglio esserci solo quando leggo i loro post su facebook, e non voglio nemmeno essere un semplice spettatore.

Non mi piace poi leggere i dettagli delle vite di persone che praticamente non conosco, o che comunque non mi racconterebbero quello che finisco per leggere… Insomma, io che c’entro con le loro vite? Magari è qualcosa che non sopporto per timidezza, come non riesco a guardare foto di sconosciuti senza l’impulso di cambiare subito pagina; o magari è così per tutti, ed è semplicemente triste sapere così tanto di vite in cui non hai nessuna parte, leggere belle notizie da gente così sconosciuta che non ti puoi neanche complimentare, trovarti ad approfittare di qualcosa vagamente in nei tuoi interessi (musica, per esempio) per dare una tua opinione. Sono stanco dei semi-sconosciuti: la gente a cui ho permesso di essere dentro la mia vita, la voglio salutare, quando la vedo!

Le chat hanno problemi simili, quella di facebook in particolare. In parte c’è dannatamente più distanza: io lo voglio il mio sacrosanto diritto di offendermi quando la gente non risponde al saluto o ad una mail! In parte è una questione di ipocrisia: un tempo ti interessavi ai tuoi conoscenti quando li incontravi in giro. Scambiavi un saluto, anche solo quello, per poi scappare via dopo una manciata di secondi. Le liste di contatti in linea hanno cambiato la situazione: c’è un mare di gente, più o meno conosciuta, sempre a tua disposizione. Soltanto, in quel momento, non hai il tempo di contattarla (neanche un saluto), e rimandi alla prossima volta. Finché ci sono persone che non senti più da una vita e non sai perché, vecchi amici o persone che avevi aggiunto e ti eri ripromesso di conoscere. Alla fine, forse, puoi riuscire a trovare il tempo per sentire un po’ di gente, ma interessarsi agli amici diventa subordinato al tempo libero, quasi un passatempo. Per non contare che, quando hai voglia di sentire una persona, ti ritrovi ad aspettare che si connetta. Gli sms forse non sono tanto il male assoluto come pensavo.

Ultimo motivo: I social network sono una valvola di sfogo tanto efficace quanto odiosa. Tanta gente usa i messaggi personali di msn, o i post in bacheca, per lamentarsi. È qualcosa di profondamente sbagliato. Da parte mia credo che il non poter più pensare “ora scrivo su facebook che mando il mondo a farsi friggere” (non lo farei mai, comunque) sia qualcosa di positivo.

In conclusione, credo di aver fatto tutte queste critiche perché Facebook, come internet in generale, sta cambiando tanto la nostra società da rendere difficile il costruirsi dei rapporti sociali “come dovrebbero essere secondo la mentalità che c’è stata fino ad ora”. Facebook non è affatto il male, anzi, apre un mare di possibilità, è un grande punto di incontro, e uno strumento formidabile anche per restare in contatto con centinaia di conoscenti. Tuttavia, credo che a conti fatti tolga più di quello che dà. Certo, si può sempre usare Facebook solo per alcune cose, e non tutti lo usano male, o sono incapaci come me nel gestirlo. Ma, per gli usi che non ho criticato, a questo punto preferisco sostenere le care vecchie mail… posso perdermi qualcosa, o la gente può non trovarmi sottomano quando si ricorda di me. Tanto meglio.

Nonostante tutte queste critiche strutturali al social, non è escluso che un giorno possa riaprire il mio account magari potrò averne un’impressione diversa. Ma per ora sto troppo semplicemente bene senza.

Per quanto riguarda il raccontarsi “indirettamente”, permettetemi di dire che i blog sono tutta un’altra cosa. Per me sono un posto dove mettere riflessioni, e per buttare giù e raccogliere quanto più possibile di mio. Sono un mezzo molto lento, non si sostituiscono alla comunicazione diretta. E anche i contenuti sono diversi: scrivendo un post si astrae per forza la realtà: non parliamo solo di cosa è successo, ma di idee e di sensazioni. Queste sono valide per tutti! e il lettore ha un ruolo attivo anche solo perché legge e riflette.

L’anima e le sue migrazioni

05

Quando ci lasciamo trasportare intuitivamente dalle coincidenze cariche di senso, migriamo forse verso i luoghi d’incontro dei nostri amori seguendo correnti inconsce simili a quelle seguite dalle oche.

blackandwhitebwcouplefa

Le oche non si interrogano sul senso da dare al proprio volo e tuttavia
raggiungono ogni anno il luogo dove nidificano.

Per tutti i numerosi anni,
ossia piu’ di quindici, durante i quali ripetono il rito, riescono inoltre
sempre a ritrovare il partner originario!

 004I055FG9c

Forse ci guadagneremmo a seguire le coincidenze e i punti di riferimento simbolici che ci conducono a una persona.

tumblr_lvdzodMozU1qkbew5o1_500

 
L’intuizione è probabilmente la migliore bussola per guidarci nella “scelta” di un rapporto.

004N055FG9c

Crediamo che i nostri spostamenti si attuino in modo razionale e individuale e di esserne padroni, ma in realtà s’ iscrivono con tutta probabilità in una dinamica collettiva, in un ampio romanzo che trascende la nostra vita personale.

002o0555Lnc

I battiti d’ala individuali delle oche migratrici, che si aggiungono gli uni a gli altri per fare progressivamente corpo con il movimento collettivo del gruppo e guidare la traversata, sono forse come le sottili variazioni dei movimenti corporei che conducono due persone li in un luogo d’incontro.

000t055iMVW

 05[3]

 

Tanti auguri di buona Pasqua

1arre047

Alleluia, alleluia, alleluia

Piange Maria davanti al sepolcro,

Io l’ho seguito, lo amavo davvero

lui mi ha guarito, mi ha dato la vita,

me l’hanno ucciso e lui non c’è più.

Alleluia, alleluia, alleluia

c2e3

Vuoto è il sepolcro, non c’è più il suo corpo

sente una voce, la chiama per nome,

e con il volto segnato dal pianto,

si volge indietro e corre da lui.

Alleluia, alleluia, alleluia

jesus-resurrection-1

Perché tu cerchi chi è vivo tra i morti?

Alzati e corri, non sono più qui!

Tu che sei l’ultima agli occhi degli altri,

vai tu per prima e grida: “È risorto!”

Alleluia, Allelia, Alleluia..

Buone feste Gianni

1arre047

 

Buona domenica delle Palme

In ogni casa e in ogni cuore non deve mai mancare

un messaggio di pace vi voglio bene

serena serata e buona festa delle palme per domani

Gianni

auguriiii

Ferragosto

Ferragosto è tempo di vacanze, di viaggi,

divertimenti che spesso trasformano quest’antica ricorrenza

in una corsa all’evasione a tutti i costi, più convenzionata che consapevole.

In questo periodo hanno origine le processioni con i carri di donativi,

i covoni, le conche offerti ai santuari fuori dell’abitato,

dove la religione cattolica ha poi sostituito

i primitivi altari con quelli consacrati all’Assunta e San Rocco.

Da queste cerimonie ataviche derivano anche quei riti notturni,

i fuochi, i canti e i balli davanti ai santuari.

Detto questo non mi resta che farvi i migliori…

Tanti auguri…

e felici VACANZE!

Gianni

Felice Pasqua 2011

dividers_94

Buona Pasqua (Happy Easter)

La Pasqua è un momento di riflessione e di gioia,

un’occasione per liberarci di tutti i nostri dubbi

e ritrovare nuova fiducia, portandoci la gioia e l’amore.

Che ogni giorno sia per tutti

la resurrezione dei valori umani nei nostri cuori.

pasqua

Tanti auguri…

per una meravigliosa primavera ed una felice Pasqua!

Gianni

dividers_94[3]

venere65

Just another WordPress.com site

http://nancywordpressdotcom.wordpress.co

Just another WordPress.com site

doraforino

Just another WordPress.com site

Doris

writers block

araanz50

Just another WordPress.com site

Abissi Acquamarina

Just another WordPress.com site

Erikas Blog,Wichtiges und Unwichtiges

HUMOR IST DER KNOPF;DER VERHINDERT;DASS UNS DER KRAGEN PLATZT: von Joachim Ringelnatz

DISTRATTA

pensieri astratti in una mente distratta

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

♥~❀‏iL MiO pIcCoLo MoNdO❀~♥ ❀๑۩۞۩๑‏❀

♥ ░ ░ ♥~❀Vado Dove Mi Porta iL Cuore❀~♥ ░ ░ ♥

Una Donna, affascinante può essere una persona semplice, ma non è mai comune.

E' inutile dimenticare qualcosa, se quel qualcosa è stato qualcuno...

Grace

This WordPress.com site is the bee's knees

http://mohinancy1405.wordpress.com

Just another WordPress.com site

YA BAKİ ENTEL BAKİ

"İlahi Ente Maksudi ve Rızake Matlubi"

♣ єρσ¢ค ∂σяค∂ค ♣

Un paso hacia atrás en el tiempo.

Sandcreation's Blog

Ls idee sono come le tette,se sonn piccole si possono sempre ingrandire

Blog Kunterbund von G.B.

http://zitroneblog.wordpress.com

Carmen B

Per vivere amicizia e vita

☆ Stella Del Mare ☆

Just another WordPress.com site

silenzio48

Just another WordPress.com site

virginie-williams 2ieme

bonne visite a vous sur mon deusieme blog!!

Dani

.•´¸.•♥*¨) ¸♥.•*¨) (¸.•´♥ (¸.•´ ♥.•´ ♥¸¸.•¨¯)♥ ♥.•´¸.•*¨)♥ ¸.•*¨).•´¸.•♥*¨) ¸♥.•*¨) (¸.•´♥ (¸.•´ ♥.•´ ♥¸¸.•¨¯)♥ ♥.•´¸.•*¨)♥ ¸.•*¨)

"Milly"

♪♫♪ Non esiste nota sbagliata se ritmicamente giusta... e non esiste nota giusta se ritmicamente sbagliata ♪♫♪“La musica è nel Dna, la musica è nel mio Dna, rido, piango, sogno, amo, respiro con le note

El Rincón de Carmela

Mi lugar de sentimientos

Virginiewilliams's Blog

bien venus chez virginie

La camera dei segreti

Guide e creazioni

Marta2510's Blog

Just another WordPress.com site

Sempreiopat's Blog

"Vivere" la più grande emozione...

Spaces di Gi@nni

Just another WordPress.com site

ღ♡ _(¯`•._[ Chiara ] _.•´¯)_♡ღ

Just another WordPress.com site

Pensamentos

Palavras que gosto de dívidir...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 39 follower